Vol-au-vent anarchici...

Pubblicato il

volauvent 1

Leggi da Adriano che ti rimanda da Lory e finisci per fare qualcosa di ancora diverso!
In sintesi questo ciò che mi è accaduto.
Passo sul blog di Adriano e leggo la ricetta della finta sfoglia, fatta con Philadelphia: lui dice che potrebbe derivare da quella di Lory, realizzata con la ricotta ma senza giri di pieghe.
Guardo in frigo, ho la ricotta (ne ho anche di più, 350 gr, toh, dev'essere proprio destino!), burro c'è, farina pure.
Ok, decido di fare la ricetta di Lory coi giri di pieghe di Adriano.
Adatto le dosi alla quantità della mia ricotta, peso farina, sale e burro e mescolo, poi aggiungo il primo contenitore di ricotta: apro il secondo e...."Ahhhhhhh, la muffa nooooo!"
Scaduta prima della data di scadenza: ed io ovviamente avevo già mescolato tutto il resto.
"No, non ho il cuore di buttare tutto... Proviamo ad andare avanti e vediamo che succede."
Faccio le pieghe, mi pare asciutta da morire, mi dico che verrà 'na schifezza, eppure insisto.
Faccio i 3 giri di pieghe a 3, faccio riposare, stendo, taglio, inforno: sfoglia!
Non ci potevo credere: mancavano ben 100 gr di ricotta sulla ricetta eppure è venuta lo stesso.
Cosa?
Non ci credete?
Beh, giudicate voi allora! ;o)

p.s: la rifaccio di sicuro con le dosi giuste la prossima volta. Vorrei vederne le differenze: questa era ben sfogliata e friabile (si vede anche in foto), e bella croccantina.

NdA IMPORTANTE: le dosi che ho usato io rendono impossibile arrotolare la pasta, perché troppo asciutta. Quindi pollice verso per croissants ed affini. Se si fanno invece i vol-au-vent, che sono solo da ritagliare coi dischetti, allora va bene.
Se volete fare dei cornettini salati NON usate questa dose. Dalle foto di quelli di Adriano invece mi pare che l'impasto sia sufficientemente malleabile in quel caso, quindi eventualmente lanciatevi con quello.

volauvent 3

VOL-AU-VENT DI FINTA SFOGLIA, UN PO' DI LORY, UN PO' DI ADRIANO, POCO POCO MIA :o)

Ingredienti per un sacco di vol-au-vent da circa 5 cm di diametro (non li ho contati, scusate)

350 gr di farina 00
250 gr di ricotta (se seguite quella "giusta" ne servono 350 gr)
200 gr di burro morbido a tocchetti
2 pizzichi di sale

Per il ripieno scegliete ciò che preferite

Preparazione

Con una forchetta mescolate tutti gli ingredienti, fino ad ottenere un insieme di bricioloni tutt'altro che regolari: metteteli in pellicola dando la forma di un rettangolo (alla bell'e meglio), chiudete la pellicola e dimenticate in frigo fino al giorno seguente.
Il giorno dopo stendete il composto in un rettangolo, che sarà ancora molto irregolare- e piegate una prima volta in 3: mettete a riposare in frigo, poi eseguite nuovamente questa operazione altre due volte, ogni volta girando di 90° l'impasto (se volete vedere i passaggi guardate qui).
Una volta fatto lasciate ancora in frigo un'ora, poi stendete l'impasto.
Se volete ottenere dei vol-au-vent ritagliate dei cerchietti col coppapasta (i miei sono di circa 5cm di diametro): una metà la lasciate così, e dall'altra invece ritagliate ulteriormente col coppapasta subito più piccino, ottenendo del cerchietti sottili: questi saranno il bordo.
Spennellate con un poco di latte i dischetti e sovrapponeteci il bordino ricavato.
Proseguite così fino a terminare gli ingredienti.
Con una forchetta bucherellate al centro i vol-au-vent, spennellate con un poco di latte anche i bordi ed infornate a 200° per circa 10 minuti, o finché saranno dorati.
Lasciate raffreddare su una griglietta del forno.

volauvent 8

Una volta freddi farciteli con quello che preferite.
Io ho improvvisato un ripieno con mozzarella, poca panna, prosciutto cotto, sale, pepe, noce moscata e parmigiano: ho frullato il tutto, ottenendo una crema soffice, ho riempito i vol-au-vent (potevano venire molto meglio con una sac-à-poche che io non ho) ed ho decorato con un ciuffetto di maggiorana.

volauvent 4

Nota: fatta con le mie dosi, troverete il composto molto asciutto quando lo dovrete stendere. Sembrerà di non  riuscire a cavarne nulla, ma il risultato alla fine c'è.
Rispetto alle foto di quella di Adriano credo che la versione con le dosi "originali" permetta alla pasta di alzarsi ancora di più.

This entry was posted in #Finger food, #Preparazioni base (dolci), #piccola pasticceria, #Preparazioni base (salate), #Antipasti, #Monoporzioni (salate)

Commenta il post

elenuccia 26/03/2010

a te è venuta bene anche cambiando praticamente tutto...ma a me sarebbe sicuramente venuta una schifezza, mica supersfogliati come i tuoi :) ci vuole la mano felice per queste variazioni!!

Milena 26/03/2010

Mi aveva colpito moltissimo da Lory e mi ero persa quella di Adriano: mi piace moltissimo l'idea di usare la ricotta in vece del burro.
Mi sa che è la volta buona per imparare a sfogliare :))

Barbara 26/03/2010

Ho letto la versione di Lory e di Adriano... e vedo che anche a te sono venuti molto bene! A me capita con lo stracchino quello che è capitato a te con la ricotta... scade prima di scadere... mah... intanto... grazie per tutti i consigli che hai dato!

Barbara 27/03/2010

Sono talmente belle e invitanti che vorrei entrare nel video e rubarne una. L'impasto con philadelphia e' molto comune negli usa, io lo uso ogni tanto per are crostate, qua vedo che e' usato con un risultato diverso... sfogliato! Ciao

maia 28/03/2010

ma che bel blog!! ti metto subito tra i miei preferiti

buona giornata

maia